METODO ALESSANDRA TASSI ®

Artrite Reumatoide

TUI NA E QI GONG : UN AIUTO NELLE PATOLOGE AUTOIMMUNI

DSC_0463L’artrite reumatoide è una malattia autoimmune caratterizzata da un’artrite simmetrica erosiva. Si differenzia dall’osteoartrosi perché interessa la membrana sinoviale e non la cartilagine dell’osso. La malattia ha un decorso cronico, fatto di riacutizzazioni e remissioni alterne, che porta progressivamente alla distruzione delle articolazioni, con deformità e perdita delle normali funzioni. Nella fase di esordio della malattia appaiono dolore e tumefazione delle piccole articolazioni. In prevalenza colpisce mani, polsi, gomiti, piedi e ginocchia. La persona avverte una forte rigidità delle articolazioni accompagnata da dolore al risveglio mattutino, che si riduce poi muovendo e riscaldando le articolazioni durante la giornata. Nelle fasi più avanzate della malattia, possono comparire deformità articolari e contratture in flessione e problematiche extra articolari, noduli reumatoidi cutanei, sindromi da compressione di nervi periferici ( tunnel carpale), pleuriti, pericarditi e arteriosclerosi. In uno stadio più avanzato della malattia, vengono coinvolte anche le spalle, le caviglie e il collo. La malattia si sviluppa prevalentemente nel sesso femminile, in donne comprese tra i 40 e 50 anni, che secondo la visione della medicina filosofica cinese corrisponde al declino energetico  della loggia di Rene. I fattori scatenanti che, dal punto di vista occidentale, possono essere stress fisici, emotivi ed infettivi, secondo la medicina cinese sono elementi che vanno ad indebolire l’energia Qi anti patogena e la persona diviene così più vulnerabile. Le variazioni del dolore che avvengono in stretta dipendenza dalle condizioni climatiche, avvallano il legame della patologia con l’energia patogena Vento. Infatti sulle articolazioni più colpite metacarpofalangee e quelle del polso, si trovano i punti ruscello e fiume, dove secondo i classici cinesi, le energie perverse Vento, Freddo e Umidità penetrano nell’organismo. Secondo la visione della medicina classica cinese, l’Artrite Reumatoide è vista come una sindrome Bi da invasione di Vento e Freddo, che poi subisce una trasformazione in Calore per una predisposizione interna dell’organismo ( loggia di Rene) o per stasi della loggia del Fegato, a causa di stress emotivi. La deformazione delle articolazioni e le contratture in flessione, evidenziano una compromissione delle ossa e dei tendini, quindi una disarmonia a livello delle logge di Rene e di Fegato. Nel testo “Nei Jing Su Wen” di Huang Ti, al capitolo 43 si legge: “La sindrome Bi nelle ossa è grave, nei vasi sanguigni causa stasi di sangue, nei tendini rigidità, nei muscoli debolezza, nella pelle induce freddo….” Secondo la visione della medicina filosofica, la malattia si distingue in Bi da calore e in Bi tenace. Il Bi da calore deriva dall’invasione e dalla persistenza delle energie patogene Vento Freddo e Umidità, favorito da un vuoto di energia Yin e caratterizzato da dolore intenso dell’articolazione con segni di rossore, calore e gonfiore, col dolore dolore che aumenta di notte. Il Bi tenace invece è caratterizzato da un andamento cronico e invalidante. Il vuoto di Rene e Fegato produce una stasi di energia Qi e del Sangue, che nuoce al nutrimento articolare. L’ostruzione persistente delle articolazioni provoca ritenzione di liquidi che si trasformano in Flegma, che ostruisce ulteriormente i meridiani energetici e le articolazioni. Ciò produce un dolore fisso, con impossibilità alla flesso estensione, con colore violaceo della zona periarticolare e deformità ossea.

Il trattamento convenzionale di questa patologia è farmacologico e tuttavia la malattia progredisce nel tempo. E’ quindi possibile affiancare alla somministrazione dei farmaci appositi trattamenti di digitopressione Tui Na, sui punti di base per disperdere il Calore, eliminare il Vento, muovere il Sangue e tonificare l’organismo, per  poi agire su punti sintomatici, in rapporto alle articolazioni da trattare. Ai trattamenti farmacologici e di Tui Na è consigliato abbinare un’appropriata attività motoria, con gli esercizi specifici di Qi Gong denominati ” Lavaggio aureo dei tendini e midolli”.